Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Tutela legale
Diritti

Un biglietto aereo acquistato on-line è rimborsabile?

Quali sono gli eventi che possono impedire al passeggero di usufruire di un volo e che prevedono il diritto al rimborso di un biglietto acquistato on-line?

21 febbraio 2017, Testo: Redazione D.A.S.



Leggiamo di seguito l’esperienza di Maria, una nostra assicurata

 

Si e’ rivolta al servizio di consulenza legale di D.A.S. Maria, giovane ragazza assicurata, lamentando di aver acquistato un biglietto aereo per una vacanza estiva e di aver realizzato solo successivamente di non essere sicura di poter partire il giorno programmato, per possibili impegni universitari.

Il biglietto aereo acquistato on-line non rientra nella disciplina normativa tipica dei contratti conclusi a distanza (art. 47, 52 e 59 Codice del Consumo) e, pertanto, può essere modificato o rinunciato solo alle condizioni contrattuali predisposte dal venditore, che possono anche prevedere di perdere integralmente il prezzo del biglietto medesimo.

In presenza di condizioni di questo tipo, seppur sia vero che ai sensi del Codice del Turismo (D.Lgs. 23.5.2011 n. 79) qualora si determini un impedimento a causa di fatti sopraggiunti, imprevisti e imprevedibili, non imputabili per causa di forza maggiore, spetti comunque l'integrale rimborso, si deve precisare che trattasi di casi specifici e che devono essere dimostrati dal passeggero caso per caso. La giurisprudenza dei Giudici di merito ha riconosciuto, ad esempio, sussistere gravi impedimenti in caso di lutti e, di recente, anche in un caso di timore per la propria incolumità pubblica in caso di viaggi in mete a rischio terrorismo (Giudice di Pace di Torino, sentenza n° 505/16).

Non esiste una casistica, invece, che consenta di dirimere con certezza e in via preventiva la questione relativamente agli eventuali esami universitari: considerato che la singola data dell'esame può non essere nota ma la circostanza di dover sostenere la sessione è conosciuta già al momento della prenotazione, i consulenti di D..A.S. hanno esposto a Maria i dubbi circa la possibilità di annullare il volo con rimborso del prezzo pagato.

Svolte tutte queste considerazioni, i consulenti hanno analizzato le clausole contrattuali accettate dalla studentessa e hanno rilevato purtroppo come l'assicurata avesse accettato una tariffa molto vantaggiosa a fronte dell'impossibilità di variare nominativo, data e ora di partenza. Valutato nel complesso il quadro normativo e giurisprudenziale, i consulenti hanno prospettato quindi all'assicurata, come ipotesi di tutela in suo favore, di considerare la sottoscrizione di una polizza assicurativa a copertura dei rischi connessi al viaggio, ivi compresa l'impossibilità di parteciparvi per la fissazione di prove di esame e concorsi e hanno evidenziato la possibilità, alla stessa non nota, di sottoscriverla pur avendo già acquistato il titolo di viaggio.

Maria, lieta di aver avuto un chiarimento rispetto ai diritti esercitabili e alle opzioni di tutela valutabili, ha espresso la massima soddisfazione ai consulenti di D.A.S. per l’assistenza ricevuta.

D.A.S. è partner commerciale di Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A.
 

Condividi questa pagina