Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Animali

Cani: la salute comincia nella ciotola

Proprio come per noi umani, anche per i cani un’alimentazione salutare e bilanciata è garanzia di benessere fisico. In più bisogna sempre fare attenzione ad alcuni comuni cibi che possono risultare pericolosi per i nostri amici a quattro zampe.

04 aprile 2018, Autore: Giulia Benvenuto  

Dieta gluten free, monoproteica, no carb, crudista… esattamente come quella umana, l’alimentazione canina è spesso una questione controversa, e le teorie più o meno bizzarre su come nutrire i nostri amici pelosi si sprecano.

Comunque si voglia affrontare la questione, è bene sapere che il loro apparato digerente è completamente diverso dal nostro: per certi versi molto più robusto e per altri invece più sensibile e delicato, ed è proprio per questo che i cani non possono mangiare tutto quello che mangiamo noi umani. Una dieta non calibrata può causare loro problemi anche di una certa serietà, perciò è sempre meglio rivolgersi a un veterinario nutrizionista per definire meglio le esigenze alimentari del nostro animale, soprattutto in periodi delicati, come ad esempio in seguito a una malattia.

Tra l’altro va ricordato che in questi casi, con una polizza cani mirata, è possibile ottenere anche la copertura assicurativa per una consulenza nutrizionale specifica.

La “pappa” fatta in casa

Oggi i veterinari tendono perlopiù a consigliare un’alimentazione bilanciata a base di crocchette, che – se di buona qualità - contengono di norma tutti gli elementi nutritivi essenziali per la salute del cane. Questa scelta è senza dubbio molto comoda e veloce per il padrone, ma vuoi mettere il piacere di “servire” ai nostri amici pelosi una buona “pappa” cucinata in casa con ingredienti scelti da noi?

L’alimentazione casalinga non è di moda, anche perché di solito si pensa che la perdita di tempo sia eccessiva, ma con un pizzico di organizzazione l’impegno sarà facilmente gestibile.

Naturalmente pappa casalinga non significa avanzi: i resti dei nostri piatti fanno male ai cani e sono da evitare.

Una dieta corretta deve contenere esclusivamente proteine, grassi, carboidrati e fibre: carne trita, verdure e riso bolliti vanno benissimo, ma in che quantità?

Ogni cane ha le sue esigenze nutrizionali, anche a seconda dell’età e di quanto è attivo, e il veterinario saprà consigliarci in proposito, ma in generale il 3% del suo peso corporeo è una dose giornaliera adeguata.

Almeno la metà deve essere composta da proteine, il resto suddiviso in parti uguali tra carboidrati, grassi e fibre. Meglio poi dividere la quantità giornaliera in due pasti alla mattina e alla sera.

Cibi da evitare

I cani vivono nella nostra casa e condividono sempre più i nostri spazi, a volte anche quelli che non dovrebbero, così a volte, mentre siamo a tavola, capita di “elargirgli” qualche bocconcino proveniente dal nostro piatto. Niente di grave, se non si tratta di un’abitudine, ma attenzione, perché senza pensarci si potrebbe mettere seriamente a rischio la loro salute.

Alcuni alimenti di uso quotidiano, graditi e salutari per l’uomo, possono invece essere nocivi o addirittura tossici e pericolosi per i cani (… ma anche per i gatti…), e vanno perciò assolutamente evitati. Ecco i principali:

Cioccolato
Risulta molto tossico per i cani a causa di un suo componente, la teobromina, capace di causare seri danni a cuore, polmoni, reni e al sistema nervoso centrale.

Cipolle e cavoli
Contengono un composto solforato in grado di distruggere i globuli rossi.

Pomodori
Soprattutto quelli più verdi, così come le foglie, a causa del loro contenuto di solanina risultano nocivi per il sistema digestivo, renale e nervoso di cani e gatti.

Avocado
Contiene la persina, un agente tossico innocuo per l’uomo, ma che provoca problemi digestivi e respiratori agli animali domestici.

Uva e uvetta sultanina
La causa scatenante non è ancora stata chiarita, ma uva e uvetta provocano insufficienza renale in cani e gatti.

Noci macadamia
Molto salutari per l’uomo, contengono un principio attivo non ancora noto, che può provocare tremori, febbre, e portare perfino alla paralisi dei nostri animali.

Riassumendo

  • L’alimentazione dei cani deve essere calibrata con attenzione.
  • La pappa casalinga può andare bene, ma non bisogna dare al cane gli avanzi dei nostri pasti.
  • Alcuni cibi normalmente presenti in tavola possono risultare nocivi o tossici per gli animali domestici.
  • Ricordati che la garanzia Pet, in aggiunta alla polizza Helvetia MyHome, oltre al rimborso delle normali spese veterinarie, copre anche la consulenza di un nutrizionista, se il tuo cane o il tuo gatto necessitasse di un consulto specifico in seguito a problemi di salute.

 

 

Condividi questa pagina