Mi interessano
?
Ti invitiamo a verificare la connessione Internet
Tutela legale

I monopattini elettrici equiparati alle biciclette

Già da tempo diffusi nelle nostre città, i monopattini elettrici sono il mezzo di trasporto più trendy del momento.

30/09/2020, Autore: ARAG

Dal 1° gennaio i monopattini elettrici sono stati equiparati in tutto e per tutto alle biciclette e sono quindi liberi di circolare in strada, con velocità limitata a 25 km/h. Tuttavia possono essere guidati solo da coloro che hanno più di 14 anni.
Essendo equiparati ai veicoli all'interno del Codice della Strada, possono circolare sulle nostre strade, ma devono essere dotati di segnalatore acustico, luci anteriori bianche e posteriori rosse e potenza massima di 500 watt. Per guidarli non è necessaria la patente, non è obbligatoria l’assicurazione e neppure l'uso del caschetto, se non per i minorenni.

Monopattini elettrici: cosa dice la normativa?

Il via libera definitivo ai monopattini elettrici è arrivato con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di Bilancio 160/2019.
Fino al 1° gennaio la loro circolazione era regolata da un decreto ministeriale che stabiliva precise limitazioni, come il divieto alla circolazione su strada.
Ora la legge si limita a stabilire che «i monopattini che rientrano nei limiti di potenza e velocità definiti dal decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono equiparati ai velocipedi».
Con queste poche parole è stato ribaltato il concetto introdotto dalla legge di Bilancio del 2018, che sanciva il divieto di utilizzo in aree pubbliche ma con la decisione di iniziare – nei soli centri abitati – una sperimentazione che lasciava ai Comuni la facoltà di individuare su quali percorsi consentire la loro circolazione (piste ciclabili, strade con limite di velocità di 30 km/h o aree pedonali).

Dove possono circolare i monopattini elettrici?

La legge ora permette ai monopattini elettrici di andare ovunque sia consentito alle bici, vale a dire su tutte le strade urbane (dove sia previsto il limite di 50 km/h) e su quelle extraurbane (purché dotate di piste ciclabili) eccetto le autostrade, le strade extraurbane principali e le aree pedonali. Spetta eventualmente all’ente proprietario della strada vietarne la circolazione.
Si può ritenere che l’equiparazione alle bici consenta di circolare anche in quelle tante aree pedonali in cui i Comuni consentono di pedalare; in assenza di segnaletica specifica, occorre invece scendere e condurre il mezzo a mano.

Ecco qui di seguito alcune regole di comportamento alla guida:

  • i monopattini devono procedere in fila;
  • i conduttori devono avere libero l’uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio con entrambe le mani, salvo quando si deve segnalare una svolta;
  • è vietato trainare veicoli, condurre animali e farsi trainare da un altro veicolo;
  • il monopattino deve essere condotto a mano quando, per le condizioni della circolazione, sia di intralcio o di pericolo per i pedoni;
  • è vietato trasportare altre persone;
  • quando presenti, i monopattini devono transitare sulle piste loro riservate;
  • se si circola fuori dai centri abitati a partire da mezz’ora dopo il tramonto fino a mezz’ora prima del sorgere del sole o in galleria, si ha l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità.

La Tutela Legale può essere d'aiuto agli assicurati anche alla guida del monopattino!
L'impiego dei monopattini elettrici ha già sollevato critiche sulle norme di sicurezza. Il verificarsi di incidenti, anche mortali, ha spinto alcune amministrazioni locali a rendere più severe le norme..
Una polizza di Tutela Legale per il nucleo familiare consente di usufruire dell’assistenza di un legale per la tutela dei nostri diritti in caso di incidente occorso alla guida di questi veicoli.

Condividi questa pagina