Mi interessano
?
Ti invitiamo a verificare la connessione Internet
Aziende

Super bonus: occasione d’oro per le imprese edili, ma occhio agli imprevisti

Il super bonus 110%, introdotto dal Decreto Rilancio, non è solo un’occasione senza precedenti per le famiglie italiane, che possono assicurarsi una ristrutturazione green delle proprie abitazione a costo zero, ma è anche una manna per imprese e general contractors attivi nel settore delle costruzioni.

07/09/2021

Dopo un periodo di fermo per l'emergenza sanitaria causata dal COVID 19, gli operatori del comparto real estate hanno la possibilità, grazie alle agevolazioni fiscali previste dal super bonus, di godere di un flusso aggiuntivo di domanda proveniente da privati e condomini. Vediamo nel dettaglio in che cosa si traduce questo beneficio.

Ecobonus e sismabonus, i vantaggi per le imprese

Il Governo italiano, per ridare slancio all'economia italiana, ha incrementato al 110% l’aliquota della detrazione per le spese sostenute nella realizzazione di specifici interventi in ambito di efficienza energetica e di riduzione del rischio sismico.
E’ stata inoltre ampliata la possibilità data al contribuente di optare, in luogo della fruizione diretta della detrazione, di un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori di beni o servizi (c.d. “sconto in fattura”).
Questa opzione è riconosciuta non solo per gli interventi ai quali si applica il c.d. “Super bonus 110%”, ma anche per quelli di recupero del patrimonio edilizio (detrazione Irpef pari al 50%), di recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti (c.d. “Bonus Facciate”), di efficienza energetica (c.d. “Ecobonus”), di adozione di misure antisismiche (c.d. “Sisma bonus”).

Come funziona? L’impresa a cui si affidano i lavori, si assume l’onere di anticipare tutte le spese per gli interventi stabiliti, a fronte di una detrazione fiscale nei successivi cinque anni. Tale meccanismo va incontro non solo ai contribuenti, che possono in questo modo evitare di tirar fuori di tasca propria l’anticipo per i lavori di ristrutturazione, ma alle stesse imprese edili, che si assicurano in questo modo il pagamento per il lavoro svolto, guadagnando il 10% di margine.

Super bonus 110% e General Contractor: la cessione del credito

Tutto bene, quindi? Sì, ma non per tutte le aziende. Quella dello sconto in fattura, per quanto allettante per molte imprese, non è soluzione praticabile da tutte, soprattutto quelle più piccole, che devono fare i conti con una disponibilità limitata di liquidità. Tra le valutazioni che un’impresa deve fare prima di accettare un lavoro c’è proprio la verifica della disponibilità finanziaria in suo possesso. Aprire un cantiere vuol dire comprare materiale, pagare fornitori e dipendenti. In altre parole, anticipare molti soldi.

Ecco perché il Decreto rilancio ha previsto per le imprese, anche le più piccole, la possibilità di procedere alla cessione del credito d’imposta alle banche o alle compagnie assicurative e ottenere così immediatamente la liquidità necessaria per non rifiutare i lavori.

In particolare gli operatori dell’edilizia che possono cedere a loro volta il credito d’imposta, sono: imprese edili, società immobiliari, società impiantistiche, general contractor, aziende produttrici e studi professionali.

A questo proposito, Helvetia offre la possibilità di acquistare il credito di imposta connesso agli interventi di efficientamento energetico. La cessione è possibile solo per progetti con valore minimo di 300.000 euro.
Le condizioni economiche effettuate da Helvetia sono le seguenti:

  • il credito per Ecobonus al 110% in 5 anni: viene acquistato a 102% del credito maturato.

L'acquisto dei crediti viene effettuato a seguito della verifica documentale sottostante la generazione dei singoli crediti con l'ausilio di apposita piattaforma messa a disposizione dei nostri Intermediari.

Offerta Superbonus 110 di Helvetia

Sei interessato a conoscere le soluzioni assicurative di Helvetia in ambito superbonus 110 e cessione del credito? Vorresti richiedere la consulenza gratuita di un consulente Helvetia?

Clicca qui e ottieni tutte le informazioni

Super bonus: come tutelarsi da incidenti e danni imprevisti

Il Super bonus, come abbiamo detto, è un boccone ghiotto per le imprese del settore edile. Anche se non mancano i pericoli. L’apertura di un cantiere comporta sempre rischi di vario tipo ed, quindi, è sempre bene tutelarsi.

Prendiamo il caso di un amministratore di condominio che incarica un’azienda edile di effettuare un rifacimento integrale della facciata del condominio (a cappotto termico) per beneficiare del bonus. A seguito di errori dovuti all'assenza o a una cattiva tassellatura, si hanno dei danni di una certa entità sia in termini di durata che di estetica del cappotto.
In questa situazione la polizza tutela le opere in costruzione che a seguito di un danno non riparato per l'elevato costo, non beneficerebbero più del Bonus 110%.

Ecco perché stipulare una polizza ad hoc prima di iniziare i lavori è una risposta di buon senso, oltre che i taluni casi, obbligatoria per legge (legge 210). Solo in questo modo, ci si mette al riparo da rischi e spese impreviste per svolgere con serenità il proprio lavoro.

Helvetia va incontro al mondo delle costruzioni con una vasta offerta di prodotti:


Per saperne di più
Condividi questa pagina