Ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizziamo anche cookie di profilazione e di terze parti per proporti comunicazioni commerciali in linea con la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni clicca qui. .

Proseguendo con la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. 

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
Link1
xxxx







Casa
Responsabilita civile

Casa grande? Con il B&B un’opportunità di reddito, ma attenzione ai rischi

Bed&Breakfast e affittacamere: un’attività saltuaria che può aiutare a far quadrare i conti senza troppi appesantimenti normativi e fiscali, ma per svolgerla in piena sicurezza è necessario che la nostra assicurazione sulla casa copra anche eventuali danni provocati. E non sempre è così…

28 giugno 2018, Autore: Marcello Andreetti

Moda o necessità, la soluzione dell’affitto di stanze all’interno di abitazioni private per brevi periodi è sempre più diffusa; per soggiorni di piacere o vacanza, come alternativa low cost ad alberghi e pensioni, ma anche talvolta come esigenza professionale per una trasferta “d’urgenza” all’ultimo momento.
Una modalità “smart” che incontra decisamente il favore sia dell’affittuario viaggiatore, sia del proprietario locatore.
Secondo un recente rapporto Istat, in Italia le strutture di questo tipo sono più di 25.000, con circa 8 milioni di pernottamenti all’anno per un fatturato di circa 300 milioni di euro.
Oggi l’offerta di questa particolare forma di ospitalità è dunque davvero molto ampia e variegata, con un’infinità di siti specializzati, sui quali è semplicissimo mettere o prendere in affitto da una piccola stanza fino a un intero appartamento.
Il segreto del successo di questa formula? Da un lato l’opportunità di viaggiare spendendo poco, di conoscere meglio la cultura locale, entrando letteralmente nella vita quotidiana delle persone; dall’altro il vantaggio di poter arrotondare il reddito e far quadrare i conti senza troppa burocrazia, nel caso si disponga di una casa grande, magari in parte inutilizzata.

I vantaggi

Il proprietario che decida di esercitare in modo occasionale questo genere di attività ricettiva, può contare su diverse agevolazioni fiscali, prima di tutto l’essere esonerato dall’apertura di una partita IVA, ma può anche dedurre i costi relativi all’attività e il 50% di quelli sostenuti per l’abitazione.
I Bed&Breakfast sono tuttavia soggetti alle normative regionali, ed è a queste che bisogna fare riferimento per ogni dettaglio. In linea di massima però si può accedere ai vantaggi se l’attività è saltuaria, e quindi non considerata imprenditoriale, e per la gestione ci si avvale solo dell’organizzazione familiare, senza personale dipendente.

Quale copertura?

Un aspetto da non trascurare se di decide di provare a ospitare in casa propria, è quello della copertura assicurativa per la responsabilità civile.
Incidenti agli ospiti causati da problemi di manutenzione della casa? I casi in cui può tornare utile una tutela del rischio sono svariati, ma anche in questo caso, come per gli obblighi fiscali, non in tutte le Regioni le norme sono uguali, così per chi affitta un immobile in modo saltuario e non imprenditoriale l’assicurazione non sempre è obbligatoria.
E anche essere già in possesso di una polizza RC per la propria abitazione, non significa necessariamente che si possa dormire sonni tranquilli. Le normali assicurazioni sulla casa solitamente coprono i danni di chi ci vive, perciò in caso di sinistro subito da un eventuale ospite, il risarcimento potrebbe non essere riconosciuto. Per evitare questo rischio, meglio dunque verificare bene le coperture presenti nella polizza.

Riassumendo:

  • L’attività di Bed&Breakfast può essere svolta in modo occasionale all’interno della propria dimora abituale.
  • Il proprietario locatore può contare su alcune agevolazioni fiscali.
  • Le normali polizze RC casa non sempre coprono i danni subiti da un ospite.
  • Nella polizza Helvetia MyHome sono previste 6 sezioni che si possono combinare tra loro, ottenendo una copertura completa per la propria dimora abituale, compresa la responsabilità civile per un’eventuale attività di B&B.

Per saperne di più
Condividi questa pagina