Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Sicurezza stradale

Sicurezza Stradale: al via le telecamere sui taxi di Roma.

Il progetto “Telecamere sui taxi di Roma Capitale”: 200 telecamere installate su 200 taxi della città di Roma per aumentare la sicurezza stradale e personale grazie alla tecnologia.

28 ottobre 2015, Testo: Gaia Galeazzi

 

Aumentare la sicurezza stradale e la sicurezza personale grazie alla tecnologia.

E’ questo l’obiettivo del progetto “Telecamere sui taxi di Roma Capitale”, realizzato dalla Fondazione ANIA in collaborazione con l’Unione dei Tassisti d’Italia, che prevede l’installazione di 200 apparati di video ripresa su altrettanti taxi capitolini. L’iniziativa è stata avviata nel mese di ottobre nella sede della Fondazione ANIA a Roma; un progetto che ha dato già ottimi risultati in altre zone d’Italia con i mezzi di trasporto pubblico, con i mezzi pesanti e con 200 taxi di Milano.

Le vetture saranno equipaggiate con una piccola telecamera dotata di accelerometro, localizzatore Gps e di una doppia ottica che inquadra la strada e l’interno del veicolo. In pratica, il dispositivo  diventa un testimone di quanto accade sulla strada e nella vettura, agendo nel totale rispetto della normativa sulla privacy: non si tratta, infatti, di un tradizionale sistema di video ripresa, ma della  cosiddetta VEDR (Video Event Data Recorder), una telecamera che registra in maniera continuativa, ma conserva le immagini registrate solo in caso di incidente o di attivazione attraverso il pulsante di emergenza posizionato all’interno del veicolo. In questo modo, i tassisti saranno tutelati anche in caso di aggressione, furti o rapine. A questo si aggiunge l’importante funzione che svolgono le  telecamere, che potranno essere usate per ricostruire le dinamiche degli incidenti, fornendo una garanzia sia per i tassisti, sia per gli automobilisti.

Questo strumento può poi avere una funzione didattica attraverso le analisi dei filmati. Le immagini degli incidenti o di situazioni pericolose, trattate secondo il rispetto della normativa sulla privacy, possono essere utilizzate in fase di formazione per gli autisti.

Oggi Roma è la città d’Italia dove si verifica il maggior numero di incidenti stradali: nel solo 2013, nel territorio comunale, se ne sono verificati oltre 14.600, che hanno causato 140 morti e oltre 19mila feriti. Sulle strade comunali operano 7.850 taxi che, oltre a far fronte all’emergenza legata alla sicurezza stradale, combattono quotidianamente anche con i problemi legati a furti ed aggressioni. Circa 800 taxi sono condotti da donne e, per loro, è stato istituito il cosiddetto “turno rosa”, che prevede il servizio nella fascia oraria tra le 8.30 e le 16.30.

«La tecnologia fa crescere la sicurezza stradale – spiega il presidente della Fondazione ANIA, Aldo Minucci – come abbiamo avuto modo di riscontrare nei vari progetti avviati in questi anni. Le  telecamere fungono da deterrente a condotte di guida scorrette e, soprattutto in questo caso, possono diventare uno strumento di protezione e tutela per tutti i tassisti. Oltre a garantire una perfetta ricostruzione degli eventi in caso di incidenti stradali, possono scoraggiare malviventi che compiono atti criminali verso i tassisti e anche perché sarà più agevole rintracciarli e assicurarli alle forze dell’ordine».

Grazie alla sperimentazione avviata a Milano nel mese di novembre dello scorso anno, sono stati monitorati oltre 970mila chilometri di strada percorsi durante l’orario lavorativo. Sono state  documentate 11 aggressioni verbali e 20 incidenti, in 12 dei quali i dispositivi sono stati fondamentali per ricostruirne la dinamica.

«L’ Unione Tassisti d’Italia – ha spiegato il Presidente Ciro Langella - a nome della categoria è ben lieta, a supporto di Fondazione ANIA, di proseguire su Roma l'esperienza concreta e positiva già in corso su Milano; il monitoraggio statistico e la misurazione di dati diventeranno grazie ad Octocam delle informazioni attendibili ed utili per le opportune valutazioni del sistema assicurativo oltreché  un campione disponibile per gli stessi tassiste e tassisti di Roma Capitale che con continuità daranno il loro apporto professionale a garanzia dell'utenza e di una maggiore sicurezza sulle strade. UTI  aderisce fortemente a questa sperimentazione che permetterà ai tassisti di “non essere più soli“ avendo a bordo un “testimone elettronico” che vigilerà sempre in rispetto di tutte le norme Privacy,  garantendo una reale ed inedita, su scala Internazionale, Sicurezza Globale, sia per l’utenza cittadina che per l’operatore, oltre e verosimilmente, all’estensione di essa su tutte le strade Romane».

 

Condividi questa pagina