I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    ?
    La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto






Bosco di protezione «Alto Vallese» (VS)

Bosco di protezione Alto Vallese panorama

Il bosco di protezione di Eyholz/Visp

Il 26 aprile 2011 a Visp, nell'area sopra Eyholz, si è verificato il più grande incendio boschivo del Canton Vallese dall'incendio di Leuk, nel 2003. Complessivamente sono andati bruciati 110 ha di bosco. Fatta eccezione per piccole porzioni di bosco nella parte inferiore della superficie bruciata, il bosco intaccato dal fuoco era integralmente un bosco che proteggeva dalla caduta di massi e da erosione la zona industriale di Visp-Est e la strada cantonale Visp–Eyholz che corre ai piedi del pendio.

A un anno dall’incendio, si è constatato che il pericolo principale consiste nella mancanza di copertura verde e che di conseguenza sussiste un maggior rischio di frane e colate detritiche. L'immediato abbattimento trasversale degli alberi bruciati e la relativa stabilizzazione del terreno subito dopo l'incendio hanno avuto, pertanto, un ruolo molto importante. Inoltre, nell'area nella quale scorre la strada cantonale Visp-Brig è stata installata una rete combinata di protezione da frane e caduta massi. Nonostante questi interventi immediati nella seconda metà di agosto 2011, durante un violento temporale estivo, vi sono stati scarichi di detriti che hanno interessato la strada cantonale e la zona industriale.

Dopo gli interventi immediati eseguiti nel 2011, nella primavera del 2012 sono iniziati i veri e propri lavori di consolidamento. L’obiettivo prioritario del progetto di protezione erano gli interventi per la messa in sicurezza dei fossati e del letto dei torrenti o l’installazione di barriere in legno per la prevenzione di valanghe e piccole slavine a monte della regione colpita dall’incendio.

Queste misure tecniche non possono, tuttavia, sostituire nel lungo termine il bosco e la sua eccellente ed economica funzione di protezione. Purtroppo, il ringiovanimento naturale e il reinsediamento richiedono troppo tempo, soprattutto nella zona più alta e sulle cime secche nella zona inferiore. Per aiutare e accelerare il processo di reinsediamento del bosco è quindi necessario piantare anche nuovi alberi. Con la messa a dimora di oltre 10’000 giovani alberi è stata avviata e accelerata la riforestazione dell’area incendiata, affinché il bosco di Eyhoz possa svolgere nuovamente in tempi brevi la sua funzione di protezione.

Qui trovate informazioni dettagliate in merito alle aree rimboschite nell'Alto Vallese.

Il rapporto completo  

Comunicato stampa  

Raccomandare questa pagina