Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Responsabilita civile

Le avventure di Magda e Furio: uno di famiglia!

Il modo più semplice e divertente per conoscere il mondo dell'assicurazione.

19 gennaio 2016, Testo: Maurizio Cella

Magda: Furio, te lo avevo detto di non regalare una consolle a 2 bambini così piccoli, poi litigano e si fanno male!
Furio: Sì Magda, hai proprio ragione! Forse è meglio pensare a qualcos'altro! Potremmo regalare un codice civile a Teodosio che è appassionato di legge come la mamma e a Irnerio un bel cucciolo di cane che così impara a prendersi cura di qualcun'altro!
Magda: Ahhhh che bella idea! E chi porta fuori il cucciolo quando piove? E quando è buio? Chi li raccoglie i suoi bisogni e lo educa e se ne prende cura? Guarda che non sono mica dei giocattoli ma esseri viventi bisognosi di cure continue!
Furio: Hai ragione ed è proprio questo il punto: Irnerio potrebbe apprendere l'importanza di prendersi cura di qualcuno più bisognoso di lui e Teodosio potrebbe passare le giornate nel parco con il fratello mentre legge i suoi codici.
Magda: Mmm.... e se il cucciolo fa qualche disatro o morde un compagno di giochi o rovina il tappetto del vicino?
Furio: A quello non ci pensare, la nostra assicurazione copre tutte queste cose e anche di più: in pratica è compreso nella nostra polizza familiare perchè, in effetti, diventerebbe uno di famiglia!
Magda: Ah davvero? Fantastico allora... butta quella roba nel pattume e andiamo con i ragazzi subito al canile!!!! Furio, tu mi adori?
Furio: Sì Magda.
Magda: E allora vedi che la cosa è reciproca?
.....
Irnerio: Papà, avevi proprio ragione, quel cucciolo sembra già far parte della nostra famiglia!

 

Condividi questa pagina