Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Agenzie

Un'agenzia...di grande valore

Oggi facciamo tappa a Roma per presentarvi una storica agenzia Helvetia della Capitale.

05 novembre 2017, Autore: Mara De Gaetano

Francesco e Gianluca Semmola e Alessandro Sacerdoti, ci hanno infatti aperto le porte della loro rinomata agenzia di Via Sistina a Roma, un luogo in cui da subito si respira un'aria che racchiude in sé tradizione, arte e cultura.
Il primo a rompere il ghiaccio è stato Francesco Semmola, al quale ben presto si sono intervallati gli altri due agenti, ripercorrendo aneddoti importanti e simpatici al tempo stesso.

"La nostra agenzia è nata circa 25 anni fa. Il nostro intento era quello di fondare una società di consulenza sull'arte. Nei primi anni '90 infatti, non c'erano agenzie che assicurassero oggetti d'arte, pertanto è iniziato tutto in questo modo. Da quel momento in poi siamo diventati gli specialisti nell'assicurare cose antiche e auto storiche". Gli fa eco Alessandro Sacerdoti, grande appassionato di auto d'epoca cresciuto in una famiglia di assicuratori da generazioni: "Ha iniziato la mia bisnonna nel 1831. Quando mi sono laureato in legge non avevo ancora chiaro il mio percorso lavorativo, ma vista la mia crescente passione per questo tipo di automobili, è stato piuttosto semplice scegliere". Proprio a questo proposito, Alessandro ci ha raccontato un simpatico aneddoto che ben sintetizza i concetti di determinazione e intraprendenza in ciò che si fa.
"Nel 1994 ci siamo presentati a Viterbo ad una delle più importanti fiere storiche di auto d'epoca, portando con noi decine di migliaia di volantini gialli con cui ci proponevamo ai collezionisti come assicuratori. Il risultato fu incredibile; i nostri telefoni, sino a quel momento quasi muti, iniziarono a diventare roventi".
"Nel 1998, - ha proseguito Francesco Semmola – ci siamo recati in una grande mostra mercato di Roma con un tavolo ed un pc, creando una sorta di agenzia mobile, ed emettendo polizze direttamente lì. Oggi assicuriamo centinaia di auto storiche in tutta Italia".
"Il passaparola ci ha aiutato moltissimo – ha concluso Sacerdoti – ai raduni ormai ci riconoscevano da lontano e tutto ciò ha contribuito a regalare un'immagine di simpatia alla nostra agenzia. L'assicuratore non sempre è visto di buon occhio, ma nel nostro caso non è stato così, perché siamo riusciti ad instaurare un ottimo rapporto con i nostri clienti".

Dopo questa parentesi dedicata ai motori, ci siamo soffermati nuovamente sul settore arte, chiedendo a Semmola di parlarci del Tesoro di San Gennaro di Napoli, dedicato al Santo Patrono, assicurato proprio dalla nostra agenzia.

"Si tratta di una storia del tutto singolare. La Cappella, in cui vengono esposte le opere, non è di proprietà della Chiesa, ma si trova nella cattedrale. Vanta un patrimonio inestimabile. Si tratta di una collezione che comprende pietre, gioielli, statue, busti, tessuti pregiati e dipinti di grande valore realizzati dai grandi artisti dell'epoca". L'area museale, che si estende su una superficie di settecento metri quadrati, è stata aperta nel dicembre 2003 grazie ad un progetto finanziato da aziende private, fondi europei e dalle istituzioni locali. Prima di allora, le opere non erano mai state rese visibili al pubblico.

Prima dei saluti finali, in agenzia è giunta una bella notizia. Giulia,  figlia di Francesco e giovane studentessa di ingegneria, ha saputo di aver superato l'esame annuale per diventare agente assicurativo. Del resto, buon sangue non mente, pertanto saremo felici di accoglierla in Helvetia per portare avanti con successo l'ottimo lavoro svolto dai suoi predecessori.

 

Condividi questa pagina