Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Agenzie
Helvetia

Intervista Reati Assicurazioni sas

La Reati Assicurazioni sas è una delle 15 Agenzie di Helvetia che fanno parte del Club The Best 15, club che raccoglie al suo interno le eccellenze di Helvetia.

 

La collaborazione con Helvetia nasce negli anni '90 grazie al suggerimento di un collega, quando Fabio e suo padre, agenti plurimandatari, stavano ricercando una nuova Compagnia da aggiungere a quelle di cui avevano già il mandato, per offrire una più vasta gamma di prodotti alla loro clientela.

Di strada se ne è percorsa tanta e chiediamo a Fabio quali sono le caratteristiche che hanno portato la Reati Assicurazioni dove è ora: “Sicuramente una buona organizzazione e feeling lavorativo sia all’interno dell’Agenzia con i dipendenti, sia all’esterno con la rete di collaboratori. E poi, da non dimenticare, la voglia di “mettersi in gioco” ogni anno per rispondere alle sfide che il mercato propone.”

Cosa significa fare parte del Club The Best 15? “Per me è un onore far parte delle prime 15 Agenzie di Helvetia, Compagnia che si distingue per qualità dell’offerta, attenzione al servizio e competenza.”.

Facciamo nuovamente fare un salto nel passato a Fabio e gli chiediamo di raccontarci uno dei primi ricordi che ha con Helvetia: “Sicuramente il primo giorno del mandato: io e mio padre eravamo stati ricevuti in una sala riunioni piena di targhe e premi dall’allora AD Fabio de Puppi e da un consistente numero di dirigenti che volevano sapere la motivazione per la quale eravamo interessati a chiedere il mandato con Helvetia. Dopo la nostra presentazione ci avevano chiesto di uscire dalla sala per poi richiamarci per ufficializzare il nostro ingresso nella “Famiglia Helvetia” con tanto di brindisi collettivo. Erano altri tempi, ma è stato incredibile e motivo di orgoglio e soddisfazione professionale”.


 

Condividi questa pagina