Scenario
Polizze Vita

Gli scenari del Welfare

Welfare in crisi: ecco le proposte di assicuratori e consumatori.

1 agosto 2017, Testo: Sergio Viola

Ormai è un dato di fatto: gli Italiani sono alle prese con un sistema di welfare che da generatore di sicurezza sociale è diventato fonte di ansia e preoccupazione e non risponde più alle esigenze dei cittadini.

Infatti, mentre aumenta l’incertezza sul futuro delle pensioni, per ogni nucleo familiare diventa sempre più difficile gestire le spese sanitarie e quelle determinate dalla non autosufficienza di un proprio congiunto. Basti pensare che gli Italiani pagano “di tasca propria” il
18% della spesa sanitaria totale, oltre 500 euro pro capite, e che nel 41,7% delle famiglie almeno una persona ha dovuto rinunciare a una prestazione durante l’anno (Fonte: Censis).

Questo è quanto emerge dagli studi di importanti centri di ricerca come il Censis, che ha recentemente realizzato dei seminari a Bari (6 aprile) e a Firenze (22 giugno) per fare il punto - insieme a rappresentanti delle istituzioni, della società civile e del terzo settore - sulla  situazione del nostro stato sociale a livello nazionale e locale.

Tali iniziative sono realizzate in collegamento con il programma “Gli scenari del welfare” del Forum ANIA-Consumatori, fondazione promossa dall’ANIA che ha sviluppato insieme al Censis e alle associazioni dei consumatori numerosi studi e analisi sul sistema di
welfare, con l’obiettivo di evidenziare le aree di convergenza tra rappresentanti delle imprese di assicurazione e consumatori su questo tema.

COSA PROPONGONO ASSICURATORI E CONSUMATORI

Proprio nell’ambito del Forum, assicuratori e consumatori hanno individuato delle proposte condivise che mirano a promuovere trasparenza, equità, efficienza e affidabilità del sistema italiano di welfare, nonché a stimolare una maggiore attenzione dell’opinione pubblica verso la prevenzione dei rischi legati alla salute e alla vecchiaia. Andiamo ad analizzarle.

In primo luogo, per entrambi è fondamentale fornire un’informazione trasparente, semplice e completa sulla situazione pensionistica a ogni cittadino e sulle prestazioni attese, in modo che possano fare scelte consapevoli per il proprio futuro previdenziale. Per essere realmente completa, tale informazione dovrebbe prevedere anche le prestazioni in caso di invalidità e le prestazioni al nucleo familiare superstite.

Sempre in tema di trasparenza, secondo assicuratori e consumatori sarebbe necessaria anche una comunicazione ai cittadini sui costi effettivi delle prestazioni sanitarie di cui beneficiano, per comparare le spese con la qualità delle prestazioni erogate.


  • © 2022 Helvetia Compagnia Svizzera d'Assicurazioni SA - P.IVA 01462690155 - Iscr. Albo Gruppi Ass. n° ord. 031 - Helvetia Vita S.p.A. - P.IVA 03215010962 - Società soggetta alla Direzione ed al Coordinamento della Helvetia Compagnia Svizzera d'Assicurazioni SA Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Società con Socio Unico - Iscr. Albo Imprese Ass. n° 1.00142 - Iscr. Albo Gruppi Ass. n° ord. 031 - Helvetia Italia Assicurazioni - C.F.02446390581 - P.IVA 07530080154 - Società soggetta alla Direzione ed al Coordinamento della Helvetia Compagnia Svizzera d'Assicurazioni SA Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Società con Socio Unico - Iscr. Albo Imprese Ass. n° 1.00062 - Iscr. Albo Gruppi Ass. n° ord. 031 - Società soggette alla vigilanza dell'IVASS (www.ivass.it)
    · 
  • Via Cassinis, 21
    · 
  • 20139 Milano
    · 
  • 02 5351.1