Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx
  • Menu
  • Chi Siamo







Scenario
Cultura
Consigli dell'esperto

Imprese, agenti e consumatori insieme per promuovere la cultura assicurativa

Nuovi accordi tra il Forum ANIA Consumatori e il Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione mirati a diffondere fra i giovani la cultura assicurativa e a promuovere negli istituti scolastici iniziative di alternanza scuola/lavoro.

29 agosto 2017, Testo: Sergio Viola

Anche se secondo gli ultimi studi condotti dall’OCSE il livello di financial literacy degli studenti italiani sembra lentamente migliorare, nel nostro paese non si dovrebbe allentare la presa sul tema dell’educazione finanziaria. L’alfabetizzazione economica dei nostri cittadini è ancora inadeguata rispetto agli standard internazionali e garantirla sarebbe vitale - come sostengono importanti economisti - non solo per la tutela degli interessi dei singoli, ma anche per le prospettive dell’economia nel suo complesso.

Fortunatamente sembra pensarla così anche il Governo che è corso recentemente ai ripari formalizzando, attraverso il cosiddetto “Decreto banche 2016”, una strategia di intervento in materia e istituendo un comitato istituzionale che si occuperà del tema dell’educazione finanziaria, previdenziale e assicurativa negli anni a venire.

Si tratta solo di un primo passo formale, ma è auspicabile che da questo tavolo di lavoro emergano iniziative concrete. Almeno come quelle proposte dal Forum ANIA Consumatori - fondazione creata dall’ANIA che ha nel suo direttivo sia rappresentanti delle imprese
assicuratrici che delle associazioni dei consumatori – e dal Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione (SNA), che hanno siglato un accordo di collaborazione finalizzato a diffondere fra i giovani la cultura assicurativa e a promuovere negli istituti scolastici iniziative di alternanza scuola/lavoro.

 

L’EDUCAZIONE ASSICURATIVA A SCUOLA

Attraverso questo accordo, i principali attori del mercato assicurativo insieme ai consumatori vogliono incentivare la diffusione di “Io e i rischi”, un progetto di educazione assicurativa finalizzato a diffondere la cultura assicurativa nelle scuole e nelle famiglie italiane, realizzato dal Forum in collaborazione con le Università Cattolica e Bocconi di Milano, l’Associazione Europea per l’Educazione Economica e il patrocinio dell’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (INDIRE).

Complessivamente, in sei anni di attività i moduli didattici “Io e i rischi” dedicati ai temi della prevenzione, della mutualità, della pianificazione del proprio futuro e dell’assicurazione hanno coinvolto oltre 90.000 studenti di quasi tutte le regioni italiane.

 

I RAGAZZI ALLA PROVA NELLE AGENZIE DI ASSICURAZIONE

Dal prossimo anno scolastico, alle scuole aderenti a questa iniziativa verrà proposto anche un nuovo modulo formativo studiato per accompagnare gli studenti delle superiori in esperienze di alternanza scuola/lavoro nelle agenzie di assicurazione. Un apposito kit conterrà, per la parte teorica, materiali didattici dedicati a temi finanziario-assicurativi e alla professione di agente da sviluppare a scuola. Per la pratica è invece previsto un “vademecum” per favorire la migliore conduzione degli stage nelle agenzie di assicurazione che ospiteranno i ragazzi.

Queste attività nelle agenzie permetteranno agli studenti di avvicinarsi a una professione forse ancora poco conosciuta e di entrare in contatto con le opportunità che il mondo assicurativo offre in un momento di particolare crisi del mercato del lavoro.

In senso generale, questa iniziativa è lodevole perché intercetta la forte domanda delle scuole superiori impegnate a realizzare percorsi di alternanza scuola/lavoro per i propri studenti, resi da poco tempo obbligatori per l’ultimo triennio scolastico e dall’anno prossimo
requisito per l’ammissione agli esami di maturità. Inoltre, rappresenta una concreta risposta a una delle sfide più importanti per il futuro del paese: facilitare l’inserimento dei giovani nel lavoro, dotandoli di competenze ed esperienze concrete in ambito professionale.

Condividi questa pagina
Please check your internet connection