Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Auto e moto

Auto: la revisione della revisione. Cosa cambia?

La sicurezza al volante parte dalla base, ovvero dallo stato di efficienza della nostra automobile. Scopriamo insieme le novità del 2018.

12 giugno 2018, Autore: Giulia Benvenuto

Le buone condizioni di freni, gomme, luci, ecc. sono infatti fondamentali per spostarsi senza i rischi causati da qualche difetto o malfunzionamento.
Helvetia ricorda l’importanza di restare sempre in regola con tagliando e revisione, ma mette in ogni caso a disposizione degli automobilisti la polizza auto InMovimento: un prodotto completo e modulabile che tutela da ogni imprevisto.

Sempre in ambito revisione, il 2018 ha portato alcune novità significative: vediamo cosa è cambiato rispetto al passato.

Da non confondere con il tagliando - intervento previsto dal produttore dell’auto per verificare l’usura di alcuni componenti dopo un certo numero di km percorsi - la revisione è invece il controllo periodico della nostra auto che ci consente di circolare in sicurezza e comfort di guida. Una sorta di checkup, previsto dall’art. 80 del Codice della Strada, volto ad accertare che sussistano le condizioni per la circolazione del veicolo, nonché il suo livello di emissioni inquinanti e la rumorosità.

Un appuntamento obbligatorio per il quale dal 2018, in adeguamento a una direttiva europea del 2014, sono stati introdotti alcuni significativi cambiamenti. Vediamo quali.

Il certificato

La novità principale della revisione “revisionata”, è l’introduzione (slittata a marzo 2019) del certificato di revisione, documento ufficiale che i centri autorizzati o la Motorizzazione Civile, rilasceranno ai proprietari dei veicoli, una volta terminati i controlli.

Sul certificato verranno annotati, oltre a diversi dati “standard” come targa, numero telaio, ecc, anche il numero di km percorsi, dopo un controllo specifico sull’eventuale manomissione del contachilometri. Il tutto nell’ottica di prevenire truffe nelle compravendite.

Quando e dove?

Le scadenze a cui effettuare la revisione restano le stesse. Il primo controllo va eseguito dopo 4 anni dall’immatricolazione, e successivamente ogni 2 anni. Queste scadenze valgono non solo per gli autoveicoli, ma anche per moto, ciclomotori, camper, furgoni e camion fino a 3,5 tonnellate.

Anche per i centri in cui recarsi non è cambiato nulla, e ci si può rivolgere a un’autofficina autorizzata dalla Motorizzazione Civile o a una indicata dalla casa costruttrice, ma anche andare direttamente alla Motorizzazione.

Salate le sanzioni per chi circola con revisione scaduta: le multe vanno da 159 euro a 679 euro, ma si può arrivare a pagare fino a 7.953 euro se si circola con un veicolo che non ha passato la revisione.,

Va tenuto inoltre in considerazione che in caso di incidente con revisione scaduta, la compagnia assicurativa potrebbe esercitare il diritto di rivalsa nei confronti dell’assicurato, e pretendere la restituzione delle somme risarcite a terzi per un eventuale sinistro.

Cosa viene controllato?

Gli elementi dell’auto oggetto di controllo durante la revisione sono molti, dai freni allo sterzo, dalle gomme ai cristalli, e sarebbe buona norma conoscerli tutti, per poter giocare d’anticipo risolvendo eventuali problemi o difetti e presentarsi in regola. In fondo i requisiti per superare “l’esame” sono semplicemente quelli di una corretta manutenzione, perciò appare chiaro che l’appuntamento con la revisione rappresenta un aiuto in più per mantenere in ordine l’auto e garantirci in definitiva una maggiore sicurezza al volante.

Riassumendo

  • Nel 2018 sono state introdotte alcune novità nella revisione di veicoli: la principale è il rilascio del certificato di revisione, che conterrà anche il numero di km percorsi.
  • Se si circola senza regolare revisione si rischiano multe fino a 7.900 euro, e in più l’assicurazione può esercitare il diritto di rivalsa in caso di sinistro.
  • Helvetia ricorda l’importanza di restare sempre in regola con tagliando e revisione, ma mette in ogni caso a disposizione degli automobilisti la polizza auto InMovimento: un prodotto completo e modulabile che tutela da ogni imprevisto.
Condividi questa pagina