Mi interessano
?
Ti invitiamo a verificare la connessione Internet
Infortuni

Sicurezza in bici. Le 5 cose da non fare

Usare la bicicletta per spostarsi in città è un’abitudine salutare, che fa bene a noi e anche all’ambiente. I ciclisti urbani devono affrontare però non pochi rischi per la propria incolumità. Ecco un breve vademecum con le regole d’oro del buon ciclista cittadino, perché prevenire è meglio…

25/05/2020, Autore: Emanuela Abbondi

Non necessita di carburante, è sostenibile ed economica, non si fatica a parcheggiarla, è rapida e versatile negli spostamenti e, dulcis in fondo, fa bene alla salute e ci aiuta a stare in forma.

Durante questo periodo di “Fase 2”, inoltre, è un mezzo utile per compiere gli spostamenti consentiti.
La bici può essere anche utilizzata per svolgere attività motoria all’aperto, sempre rispettando le dovute precauzioni e la prescritta distanza di sicurezza interpersonale. 

La bici sembrerebbe quindi il mezzo ideale per gli spostamenti urbani, ma allora perché non la usano tutti ed è ancora relativamente poco diffusa nelle nostre città?

La risposta è difficile…forse la maggior parte dei cittadini non riesce a rinunciare all’auto, o forse è solo spaventata dai possibili pericoli in agguato per la strada.
Pedalare in città non è in effetti tutto rose e fiori: pavé, asfalto sconnesso, buche, rotaie, automobilisti indisciplinati… i fattori di rischio sono davvero molti per i ciclisti urbani, ma basta un pizzico di attenzione e buon senso per evitare incidenti.

Polizza infortuni? Perché é utile...

Per l’imprevedibile, ad esempio una portiera che si apre improvvisamente, oltre a stipulare per tempo un’assicurazione per gli infortuni in bici, come Helvetia Persona Dinamica, si può naturalmente fare ben poco; per tutto quello che rientra invece nella nostra sfera di responsabilità, cerchiamo di adottare sempre comportamenti corretti per prevenire almeno il prevedibile.

Vediamo quali sono i comportamenti che più frequentemente possono causare guai, e quindi assolutamente da evitare.

Gli errori più comuni: cosa evitare per pedalare in sicurezza

Pedalare senza casco

La prima e fondamentale regola, da non dimenticare mai, in nessuna occasione.
Non indossare questa fondamentale protezione può costare caro, anche soltanto per una caduta banale a bassa velocità.
Da sottolineare che qualsiasi tipo di casco si scelga, ci proteggerà al meglio solo se è della giusta taglia (non si deve muovere se scuotiamo la testa) e se lo allacciamo ben stretto sotto la gola.

Parlare al telefono

Quando il cellulare squilla nella tasca della giacca ci vuole poco per estrarlo e rispondere, ma attenzione: il codice della strada lo vieta, ed esattamente come succede in auto si può incorrere in una multa e – pochi lo sanno - nella decurtazione di alcuni punti dalla patente.
Legge a parte, un breve attimo di distrazione e la caduta è servita. Fermiamoci e rispondiamo in tranquillità: è meglio.

Pedalare affiancati

Quando si pedala insieme a figli, fidanzati o amici, la voglia di scambiare due chiacchiere ci porta a pedalare affiancati, creando però un reale pericolo per noi stessi e per gli automobilisti.
Se il buon senso non serve a scoraggiare questa rischiosa abitudine, ricordiamoci che anche il codice della strada prescrive che i ciclisti debbano procedere su un’unica fila, pena una contravvenzione.

Essere poco visibili

Una bici in città senza adeguata illuminazione, è praticamente invisibile agli automobilisti, soprattutto all’imbrunire.
Due piccole luci led a batteria da tenere in tasca pronte per essere posizionate sulla sella e sul manubrio in caso di oscurità incipiente, rappresentano una soluzione sicura e poco impegnativa.

Ignorare la segnaletica

L’ultima regola è forse la più ovvia e scontata, ma ricordarla non guasta.
La bicicletta, secondo il codice della strada, è un veicolo a tutti gli effetti, e come tale è tenuto all’osservanza di tutte le norme di circolazione… Tanto per dire, non siamo autorizzati a passare con il rosso solo perché la bici è meno ingombrante di un’auto.
Dunque segnaliamo in anticipo la svolta con il braccio, rispettiamo le precedenze, gli attraversamenti pedonali e, in caso di incolonnamenti di auto, superiamo la fila a destra, sempre con un occhio alle portiere…
Comportarci in modo disciplinato diventa principalmente un modo di tutelare la nostra stessa sicurezza.

 

Riassumendo

Quando si pedala in città bisogna…

  • Indossare sempre il casco.
  • Tenere le mani sul manubrio e fermarsi per telefonare. 
  • Non causare intralcio alla circolazione.
  • Montare delle luci che permettano di essere ben visibili.
  • Rispettare le norme del codice stradale e del buon senso.
  • Mettersi al sicuro con una polizza come Helvetia Persona Dinamica, a copertura degli infortuni relativi alla circolazione anche in bici… Perché la sicurezza non è mai troppa.

Per saperne di più
Condividi questa pagina