Ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizziamo anche cookie di profilazione e di terze parti per proporti comunicazioni commerciali in linea con la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni clicca qui. .

Proseguendo con la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. 

  • Mi interessano
    ?
    Ti invitiamo a verificare la connessione Internet
Link1
xxxx
Sci

Le 5 piste più difficili d’Italia

Scopri la “top five” delle piste nere di casa nostra, ricordando che i tracciati impegnativi vanno sempre affrontati con responsabilità e consapevolezza, meglio con la tutela in più di un’assicurazione sci specifica.

19/12/2018, Autore: Marcello Andreetti

La pista nera, o semplicemente “la nera”, è un simbolo che rappresenta per gli appassionati una sorta di certificazione della propria abilità sugli sci. Pendenza, condizioni della neve, gobbe… le caratteristiche di questi tracciati li collocano normalmente al vertice della scala di difficoltà tecnica delle discese, e non sono dunque roba per tutti.
Anche i più bravi devono tuttavia affrontarli ben preparati, con l’attrezzatura a posto e soprattutto con la giusta concentrazione. Tanto per fare un esempio, commettere un’imprudenza, o semplicemente una leggerezza, su un “muro” ghiacciato potrebbe costare caro. Ricordati che pensare in anticipo alla tua sicurezza non significa essere pessimisti, ma soltanto previdenti. E lo stesso vale per quanto riguarda una forma di tutela ancora più ampia come quella assicurativa. Decidere di stipulare una polizza sci specifica prima di affrontare le piste è infatti un atto di responsabilità e consapevolezza che ti permette di praticare il tuo sport preferito con la massima serenità.

Helvetia Easy Ski ad esempio è un’assicurazione sci che si adatta facilmente a ogni esigenza, offrendoti piena copertura per qualunque imprevisto possa accadere sulle piste di tutta Europa.
Una garanzia in più per te e la tua famiglia, che comprende assistenza e spese per il soccorso in elicottero o toboga e quelle per infortunio, oltre a responsabilità civile e tutela legale.
Questa polizza modulabile, con 3 diversi pacchetti a seconda delle necessità, è particolarmente versatile, infatti puoi acquistarla direttamente on-line quando ti serve, anche all’ultimo momento, scegliendo tu la durata, che può essere anche di un solo giorno.

Fai ora il tuo preventivo

Calcola il premio in base alle tue esigenze che sono uniche come il tuo divertimento in montagna e acquista online la tua assicurazione in pochi click.

La “top five”


Stilare una classifica delle piste più difficili è molto complicato, perché in questa materia i criteri oggettivi lasciano spazio alle valutazioni contingenti e individuali.
Le condizioni della neve sono ad esempio una variabile decisiva, inoltre ogni località sciistica promuove ovviamente i suoi “prodotti”, e infine ogni appassionato ha le sue convinzioni in proposito…
Detto questo, proponiamo qui 5 piste che più o meno unanimemente sono considerate dal popolo degli sciatori tra le più ripide e impegnative di tutto l’arco alpino.

Pista 3 Berthod - La Thuile (AO)

Quasi sempre in ombra, perciò spesso ghiacciata, ha una pendenza massima del 73%, che ne fa una delle piste italiane più ripide in assoluto. Presenta diverse varianti più abbordabili, ma il tracciato principale, con i suoi 800 m di dislivello di pura fatica è davvero ostico. In diverse occasioni ha ospitato gare di Coppa del Mondo.

Paradiso - Tonale (BS)

Una pista nera d’altri tempi, selvaggia e mozzafiato (anche se recentemente il tracciato è stato “addolcito”), riservata a sciatori esperti. La neve, sempre dura per l’esposizione nord e i 3 km di lunghezza con pendenze estreme, costringono a sciare in trattenuta e non danno mai tregua alle gambe. Dalla partenza, a ridosso del ghiacciaio del Presena, la vista è straordinaria.

Piculin - San Vigilio di Marebbe (BZ)

Questa pista altoatesina di 2 km che da pochi anni collega Plan de Corones alla Val Badia, si presenta come la più ripida d’Europa, con il suo muro al 78% di pendenza.
Sempre ben innevata, è però esposta a sud e presenta perciò spesso condizioni di neve morbida e insidiosa che necessitano una particolare attenzione.

Spinale Direttissima - Madonna di Campiglio (TN)

Muri ripidissimi – fino al 70% - e continui cambi di pendenza caratterizzano questa nera “a 5 stelle”, tra le più adrenaliniche e divertenti di tutte le Alpi. I suoi 2,4 km di lunghezza e i 600 metri di dislivello non danno respiro e sembrano letteralmente proiettare gli sciatori dalla vetta del monte Spinale verso il paese.

Canalone - Madesimo (SO)

Il Canalone di Madesimo, in Lombardia, è una delle ultime piste nero davvero “cattive” delle Alpi. Perfetta per chi ama il lato “wild” dello sci, non viene mai battuta e si presenta perciò con molti tratti a gobbe e con neve difficile. 1.000 metri di dislivello riservati esclusivamente a chi è in grado di controllare perfettamente gli sci in ogni situazione.


 

Condividi questa pagina