Ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizziamo anche cookie di profilazione e di terze parti per proporti comunicazioni commerciali in linea con la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni clicca qui. .

Proseguendo con la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. 

Mi interessano
?
Ti invitiamo a verificare la connessione Internet
Ti piace vincere?

Iscriviti o accedi all'area riservata My Helvetia e partecipa al nostro concorso! In palio ogni giorno 3 Buoni Amazon.it da 25€ l'uno!

Viaggi

Carnevale di Rio e altri rimedi: alla scoperta del Brasile più autentico

Tra tradizioni e curiosità, i retroscena della manifestazione più famosa del mondo, con cifre da record.

21/01/2020

È la manifestazione più esuberante, più colorata, fragorosa e festosa del pianeta, con i suoi ritmi, i costumi sgargianti e i carri allegorici imponenti. Impossibile non conoscere il Carnevale di Rio De Janeiro, il più famoso e il più grande al mondo, a ritmo di samba.

È la Un evento maestoso da Guinnes dei primati tra milioni di brasiliani che vi partecipano a cui si aggiungono i visitatori stranieri che ogni anno raggiungono cifre record. Viverlo in prima persona è un’esperienza irripetibile che merita di essere provata almeno una volta nella vita.

L’appuntamento per il Carnevale 2020 è fissato tra il 20 e il 25 di febbraio, ovvero tra giovedì e martedì grasso per sprigionare tutta la carica emotiva a ritmo di samba prima del mercoledì delle Ceneri e dell’inizio della Quaresima.

Il Carnevale di Rio si svolge nei 4 giorni che precedono il mercoledì delle ceneri. I festeggiamenti hanno inizio nel giorno di giovedì grasso (21 febbraio) e proseguono ininterrottamente fino al martedì grasso (25 febbraio).

Protrarre i festeggiamenti, come avviene in altri luoghi, per oltre un mese sarebbe insostenibile, visti i ritmi del carnevale brasiliano. Una quattro giorni di musica, divertimento, balli sfrenati, costumi sfavillanti e coreografie sempre più avvincenti, sulle quali si lavora per tutto l’arco dell’anno e che vedono impegnate tutte le migliori scuole di ballo della città.

L’inizio del Carnevale di Rio viene sancito da un rito ben preciso: la consegna, da parte del sindaco, delle chiavi della città a Rei Momo, il sovrano assoluto del Carnevale. Una figura leggendaria originaria dell'antica Grecia, simbolo del primato della dissolutezza sulla ragione.


Le origini del Carnevale e la samba

Il Carnevale di Rio ha origini molto antiche che affondano le loro radici nella tradizione europea, passando prima per quella greco-romana con le festività in onore di Bacco e le Saturnalia, successivamente per quella cattolica, che vede il Carnevale come festività di passaggio al Mercoledì delle Ceneri.

Un’altra probabile influenza che si riscontra nelle celebrazioni carnascialesche brasiliane è quella portoghese, precisamente di un festival, Entrudo.

Secondo le ricostruzioni storiche il primo ballo in maschera a Rio si tenne nel 1840, un primo carnevale durante il quale si ballava a ritmo di polka e valzer.
In seguito furono i ritmi africani ad avere la meglio e nel 1917 nel Carnevale di Rio fu introdotta la samba, il genere musicale ballato inizialmente dagli schiavi africani che usavano vestire con particolari abiti fatti, tra le altre cose, di piume, pietre ed erbe.
Nella città brasiliana, infatti, ha sede la LEISA (Liga Independente das Escolas de Samba do Rio de Janeiro), l’organizzazione che aggrega le principali scuole di samba della città fondata nel 1984.


La sfida delle scuole di samba

Il Carnevale di Rio comprende anche una sfida a colpi di samba. Ebbene sì, uno degli appuntamenti più attesi della festa in maschera è proprio la parata delle scuole di samba durante la quale le migliori scuole si sfidano, di fronte ad una giuria di 40 esperti, per portare a casa il titolo di campioni e lo stendardo d'oro.

Competono le scuole che rientrano nel Gruppo Speciale, la categoria più prestigiosa dell’LEISA che classifica ogni scuola in base al livello di bravura, dalla A alla E. Solo chi arriva ai livelli più alti entra a far parte del Gruppo Speciale potendo così gareggiare al mitico evento del Carnevale portando in scena, per 80 minuti, un tema specifico a cui si lega il carro allegorico, i costumi, le colonne sonore realizzate dai musicisti del gruppo e ovviamente le travolgenti coreografie.

Tutte le esibizioni iniziano e terminano al Sambodromo, stadio progettato dall'architetto di fama mondiale Oscar Neimeyer appositamente per ospitare la folla che sgomitava per assistere allo spettacolo, il luogo cult del Carnevale di Rio.


Un giro nella città

Partecipare al Carnevale di Rio non significa anche che non ci si debba perdere nell’enorme città costiera del Brasile. Copacabana e Ipanema sono le sue spiagge più famose che insieme alla statua del Cristo Redentore, posta in cima al Monte Corcovado e alta ben 38 metri raggiungibile tramite il caratteristico trenino, sono le attrazioni che senza dubbio meritano una capatina.

Altro luogo speciale della città brasiliana è il Pan di Zucchero, un colle di granito al quale si sale con impianti di risalita che fa parte dello skyline di Rio, altra icona inconfondibile della città sul mare. Lasciatevi guidare dall’istinto e intrufolatevi nelle vie del quartiere di Santa Teresa, la parte alta della città nella quale si può arrivare con il bondinho, un piccolo e caratteristico tram.

Sarà bello visitare musei e gallerie d’arte, le dimore storiche e gli edifici culturali. E poi c’è il grande stadio della città, il Maracanã dove hanno giocato tanti campioni del calcio e che nel 2014 ha ospitato i Mondiali di calcio. Ed infine c’è la grande foresta che si trova all'interno dell’area urbana di Rio, Tijuca, la foresta urbana più grande del pianeta. 

Caldo e piogge, occhio al clima

Nel periodo di Carnevale occhio al clima! A differenza dell’Italia, a febbraio in Brasile, siamo in piena estate. In genere fa molto caldo, ma è anche alto il rischio di piogge, spesso anche abbondanti, soprattutto, durante il pomeriggio.

La nota positiva è che le feste e le sfilate del Carnevale di Rio si concentrano soprattutto nelle ore serali, quando l’aria è sicuramente più fresca rispetto al giorno e il rischio di piogge è ridotto. I forti temporali estivi, in genere, durano veramente poco lasciando subito spazio a splendide giornate di sole. Abbigliamento dunque estivo da mettere in valigia senza dimenticare però un k-way da portare nello zaino, ma anche scarpe chiuse. 

Viaggia sicuro con la polizza all inclusive

Per fare una vacanza sicura e senza pensieri in Brasile, consigliamo infine di scegliere una polizza che tuteli i viaggiatori da possibili rischi sia per la salute, una volta a Rio, ma anche da eventi improvvisi che potrebbero “rovinare” il viaggio. Prenotare con largo anticipo permette di risparmiare non poco ma apre anche all’incertezza di dover cancellare il viaggio per un imprevisto inatteso.

E allora perché rischiare? Importantissimo munirsi di un’assicurazione che abbia come diktat principale l’assistenza sanitaria; una garanzia fondamentale in un Paese, come il Brasile, nel quale la sanità pubblica è in fase di miglioramento e quella privata, invece, molto costosa.

Un banale infortunio, un’influenza o anche la necessità di qualche farmaco specifico possono richiedere davvero una spesa ingente che può essere evitata con un’apposita polizza.

È una buona idea, inoltre, includere nella polizza una tutela per annullamento viaggio, che garantisca tranquillità al viaggiatore per problematiche relative a malattie o infortuni, ma anche in caso di interruzione del viaggio in seguito ad un evento importante che obblighi l’assicurato a ritornare prima in Italia.

Immancabile anche la copertura sul bagaglio, qualora venga smarrito o danneggiato. La precauzione, in questi casi, non è mai troppa!

Scopri quanto costa l’assicurazione viaggio su misura per te.

Quando parti? In quanti siete? Quanto dura il viaggio?


Per saperne di più...
Condividi questa pagina