Mi interessano
?
Ti invitiamo a verificare la connessione Internet
Viaggi

Porto e la stagione del vino: gioielli di portogallo

Il richiamo settembrino ai piaceri dell’autunno è inconfondibile, quale meta potrebbe soddisfare al meglio la tentazione di un buon bicchiere di vino se non Porto?

23/09/2020

La cittadina portoghese con la vocazione per la produzione e le degustazioni dell’oro di Bacco è la meta ideale in autunno, una splendida realtà che si svela tra le terrazze di viti e le valli Patrimonio Unesco.
Una meta tutta da scoprire Porto, una città di fiume dall’animo marinaro e mercantile. Una realtà affascinante affacciata sul fiume Douro, dall’atmosfera mediterranea a poca distanza dall’Atlantico.
Il centro storico è un susseguirsi di scorci pittoreschi sul mare di tetti color ocra e palazzi colorati, alcuni dalle tinte scrostate, altri ammantati da splendide azulejos, le tipiche piastrelle in ceramica portoghesi nei toni del bianco e dell’azzurro. Una diversità amalgamata tra fronde di biancheria stesa alle finestre, l’animo popolare di questa città calda e accogliente si fiuta in ogni angolo.

Assicurazione viaggio - Helvetia OkTravel

Scopri i vantaggi di viaggiare in sicurezza

Clicca qui

La prima tappa in città è la sintesi di questo singolare connubio di bellezza e “squallore” che la rendono davvero unica: il quartiere della Ribeira, affacciato sul corso del Douro, è Sito Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
In questa zona, nota anche come il “quartiere sul fiume”, si concentrano gran parte delle mete da visitare a Porto.
Si inizia il tour da un punto di arrivo, la Stazione ferroviaria di São Bento, tra le più belle del mondo, interamente decorata con grandi pannelli di azulejos degli anni ’30, opera di Jorge Colaço. Soffermatevi nel grande atrio della stazione, qui si contano più di 20.000 piastrelle bianche e azzurre che rappresentano battaglie storiche e scene di vita quotidiana.

Si prosegue alla scoperta del quartiere facendo tappa al simbolo della città, il , l’imponente cattedrale del XII secolo.
La facciata semplice e lineare con un grande rosone centrale e due torri gemelle con cupole ai lati, contrasta con l’interno barocco del XVIII secolo e il bellissimo chiostro, ritmato dalle geometriche arcate gotiche e dalle ricche decorazioni delle azulejos. Un racconto dettagliato in bianco e azzurro che rappresenta il Cantico dei Cantici di Salomone e la Vita della Vergine.

Dirigetevi verso la Rua do Carmo dove si trovano la Igreja do Carmo, costruita nel XVIII secolo in stile roccocò, molto famosa per la sua facciata laterale ricoperta di azulejos decorati a mano, e la Igrea dos Carmelitas, dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi, entrambe patrimonio nazionale.
Il barocco è uno stile ricorrente in città, tipico di chiese e palazzi nel XVIII secolo. L’apoteosi dell’eccentrico si trova nella Igreja de São Francisco. Il suo interno è interamente decorato con la particolare tecnica della talha dourada, ovvero intarsi in legno dorato. Vale la pena soffermarsi ad ammirare le ricchissime pareti della chiesa: un mondo ligneo di cherubini, animali e grappoli d’uva, personaggi e fronzoli.

Per una visuale indimenticabile sulla città, salite sulla Torre dos Clèrigos, una torre campanaria barocca realizzata nella metà del XVIII secolo, concepita da Nicola Nasoni, architetto di origine italiana. Dall’alto della città ci si dirige verso la parte bassa di Porto, nel labirinto di stradine che portano al ponte in ferro Dom Luis I. Questa infrastruttura dalle linee moderne, stacca dal contesto urbano e i più attenti noteranno una somiglianza con l’iconica torre parigina data dalla forma leggiadra dell’arcata centrale: il ponte venne progettato nel 1881 da Téophile Seyrig, allievo di Gustave Eiffel.

La struttura collega Porto alla cittadina gemella Vila Nova de Gaia, nota per le sue cantine del famoso Porto. Qui è possibile fare degustazioni dell’ottimo vino, questo centro è infatti rinomato per la migliore produzione di tutto il Portogallo. Prima di lasciarvi andare alla consentita e dolce ebbrezza, ammirate il traffico rilassato delle imbarcazioni che solcano le acque del Douro. Noterete delle barche molto particolari, si tratta delle barcos rabelos, un tempo adibite al trasporto delle botti di porto, oggi utilizzate per le gite turistiche, un’esperienza da provare per ammirare la città da un’altra prospettiva.

Scopri quanto costa l’assicurazione viaggio su misura per te.

Quando parti? In quanti siete? Quanto dura il viaggio?

L’autunno 2020 sarà un periodo ancora legato dell’incertezza. Dopo l’estate più particolare di sempre, si riparte nuovamente, cauti e con tanta consapevolezza.
Attenzione, precauzioni e buon senso sono un dovere e un'assicurazione viaggio che ti protegga in caso di imprevisti legati alla salute è una scelta utile. Scopri le coperture della polizza viaggio Helvetia OkTravel per partire in tranquillità.


Per saperne di più
Condividi questa pagina