Ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizziamo anche cookie di profilazione e di terze parti per proporti comunicazioni commerciali in linea con la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni clicca qui. .

Proseguendo con la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. 

  • Herzliche Gratulation!

    Mi interessano
    ?
    Si prega di verificare la connessione Internet
Link1
xxxx







Polizze Vita
Temporanea Caso Morte

Il futuro che ci aspetta

Sono sempre più evidenti i segnali di una diffusa preoccupazione degli italiani nei confronti del futuro, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza dei propri familiari. Garantire un domani sereno ai figli e alle persone care, qualunque cosa succeda, è oggi una priorità per la maggior parte della popolazione.

20 settembre 2018, Autore: Marcello Andreetti  

Un tempo il matrimonio e la casa di proprietà, ai giorni nostri la possibilità di frequentare un master o fare un’esperienza di studio all’estero, magari avviare una piccola impresa in proprio.
Gli obiettivi sono cambiati nel corso dei decenni, ma la questione di fondo resta, e i genitori continuano e continueranno sempre a preoccuparsi del futuro dei propri figli.
Ma su quali certezze possono contare oggi le famiglie per garantirsi serenità da questo punto di vista?

Bisogno di certezze

Dall’ultima edizione della ricerca annuale condotta da GFK sui climi sociali e di consumo in Italia, emerge che i cittadini sono impensieriti dal domani e si sentono poco aiutati, o addirittura ostacolati, dalla “struttura Paese”, e per questo cercano nel privato quelle certezze che le istituzioni pubbliche non sono più in grado di garantire.
La sfiducia riguarda in particolare il bisogno insoddisfatto di una risposta alla necessità di sicurezza e tutela di priorità fondamentali quali reddito, lavoro, welfare e prospettive economiche in generale. Una preoccupazione che nasce sostanzialmente da un’economia vista come troppo instabile, non ancora del tutto uscita dalla crisi e con prospettive tutt’altro che certe.
La popolazione, in altre parole, percepisce la mancanza di una visione tranquillizzante a medio e lungo termine.

Rifugiarsi nella famiglia

Il sistema famiglia tuttavia rappresenta oggi l’unico punto di riferimento certo, percepito come un nucleo capace di far fronte a eventi inaspettati e difficoltà di ogni genere, generando un senso di protezione e sicurezza. L’affidamento che si riversa nella sfera degli affetti familiari è per forza di cose un sentiment che cresce in modo inversamente proporzionale allo scetticismo nei confronti dello Stato.
Si può ben capire come, in questo scenario, a preoccupare maggiormente sia soprattutto l’eventualità di un imprevisto grave che impedisca di salvaguardare il futuro dei propri cari, ovvero l’impossibilità di garantire il mantenimento del proprio tenore di vita o peggio di far fronte a debiti pregressi, come ad esempio un mutuo sulla casa.

Quali preoccupazioni

Se dunque secondo il sondaggio GFK il presente viene vissuto come sempre più faticoso e “ansiogeno” dagli italiani, una seconda ricerca, presentata a ottobre 2017 da Acri - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio, in collaborazione con il gruppo di analisi Ipsos, ha evidenziato che sul fronte famiglia, il 19% - 1 su 5 - è stata colpita direttamente dalla crisi, pur con cifre in leggero miglioramento, mentre quelle che versano in una condizione di seria difficoltà sono il 17%.
Aumentano le situazioni in equilibrio di risparmio e la capacità di far fronte a “uscite” impreviste riguarda solo le piccole spese. Nel 65% dei casi, però, gli italiani cercano di uscire da queste difficoltà anche con un atteggiamento propositivo e lungimirante, prestando attenzione a dettagli grandi e piccoli, come eventuali sprechi o spese superflue. Si cerca di risparmiare per tutelare sé stessi e i propri familiari. In generale si respira ottimismo sulla possibilità di un miglioramento della propria condizione nei prossimi 3 anni, ma l’apprensione per il futuro traspare comunque dal 70% dei lavoratori, che si dichiarano in ansia per gli anni della pensione.
I consumi stanno infine lentamente ripartendo, pur in un quadro in cui siamo sempre molto attenti nel valutare bene ogni scelta.

 

 

Assicurazione TCM: perchè conviene?

Il successo di una polizza vita TCM è la possibilità di usufruire di agevolazioni fiscali sotto forma di detraibilità del premio. Conviene? Sì!

Leggi di più!

Riassumendo

  • Gli italiani non si sentono tutelati dalle istituzioni pubbliche.
  • Il sistema famiglia resta l’unico punto di riferimento certo.
  • La preoccupazione per il futuro è un sentimento oggi ampiamente diffuso.
  • La stipula di una polizza TCM – Temporanea Caso Morte evita che un grave evento imprevisto possa pregiudicare la serenità economica dei propri cari.

Per saperne di più
Condividi questa pagina