Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
  • Auto elettrica: come ottimizzarne l’autonomia col freddo

    18.11.2021 | Torsten Schallmaier
    Se sapete cos’è l’«ansia da ricarica» allora probabilmente possedete un’auto elettrica. La preoccupazione più grande: rimanere a piedi in mezzo al nulla con la batteria scarica. Soprattutto in inverno le auto elettriche consumano più energia rispetto all’estate. Qui trovate alcuni pratici consigli con cui massimizzare l’autonomia della vostra auto.
1290577624

Auto elettrica: come ottimizzarne l’autonomia col freddo

18.11.2021 | Torsten Schallmaier
1290577624
Se sapete cos’è l’«ansia da ricarica» allora probabilmente possedete un’auto elettrica. La preoccupazione più grande: rimanere a piedi in mezzo al nulla con la batteria scarica. Soprattutto in inverno le auto elettriche consumano più energia rispetto all’estate. Qui trovate alcuni pratici consigli con cui massimizzare l’autonomia della vostra auto.

Col freddo aumenta il consumo energetico

In inverno l’autonomia di un’auto elettrica può ridursi anche del 30%. Da un lato, la batteria deve impiegare più energia per innescare le reazioni chimiche che col freddo vengono rallentate. Dall’altro, occorre scaldare l’abitacolo, il parabrezza e il lunotto, i sedili, il volante e la batteria stessa con l’energia elettrica prodotta dalla batteria di trazione. Il riscaldamento, dunque, consuma una gran quantità di energia. Pertanto, soprattutto quando fa freddo:

  • Preriscaldate l’auto mentre è ancora collegata alla rete elettrica. In questo modo risparmierete la batteria di trazione.
  • Non viaggiate col riscaldamento sempre al massimo.
  • Aprite portiere e finestrini non più a lungo del necessario.
  • Utilizzate la modalità risparmio energetico del riscaldamento (se disponibile). In tal modo, ad esempio, verrà riscaldato solo il sedile di chi guida se si viaggia da soli.
  • Evitate di percorrere tragitti brevi intramezzati da lunghe soste perché l’abitacolo e la batteria si raffreddano e poi sarà necessario scaldarli di nuovo.
  • Attivate il riscaldamento sulla modalità di ricircolo dell’aria per riscaldare più velocemente l’abitacolo.
  • Parcheggiate possibilmente in un garage per evitare che la batteria si raffreddi troppo.
  • Ricaricate possibilmente l’auto quando la temperatura della batteria è ancora quella di esercizio, ad esempio la sera, dopo un lungo viaggio. Il freddo infatti rallenta notevolmente il processo di ricarica della batteria.
  • Utilizzate le pompe di calore intelligenti che sfruttano il calore dell’ambiente circostante e quello prodotto dalle componenti del veicolo per riscaldare l’auto elettrica. Le pompe di calore sono già montate di serie o possono essere installate successivamente.

Inoltre: non è solo il riscaldamento a consumare energia, ma anche l’impianto di climatizzazione riduce l’autonomia del veicolo. Anche d’estate quindi, fate un uso accorto e oculato dell’impianto di climatizzazione.

La velocità non è tutto

Forti accelerazioni e una velocità elevata gravano sul bilancio energetico. Se la velocità raddoppia, quadruplica la resistenza dell’aria. Guidate quindi con ragionevolezza e prudenza.

Modalità eco «on»

La vostra auto elettrica è dotata di una modalità eco? Perfetto, allora usatela! Soprattutto per i tragitti brevi, vale la pena ricorrere alla modalità eco. In ogni caso nel traffico cittadino non si riesce a sfruttare appieno il potenziale della vettura. La modalità eco riduce automaticamente il consumo energetico, garantendo una maggiore autonomia.

La pressione conta

Anche aumentare la pressione degli pneumatici può consentire di percorrere più chilometri: aumentandola di 0,2 bar si risparmia energia e si incrementa l’autonomia. Il comfort di guida non ne risentirà. Ciò nonostante, la ricerca del risparmio non può andare a scapito della sicurezza!

In modo che la corrente non si esaurisca

Ma ogni consiglio è inefficace se la stazione di ricarica è difettosa. Nell’ambito delle soluzioni proposte dall’Helvetia, potete abbinare la vostra wallbox domestica direttamente all’assicurazione della vostra auto elettrica o ibrida plug-in, per essere certi di potervi spostare in qualsiasi momento.

Viaggiare con un veicolo elettrico con Helvetia e MOVE: i vantaggi raddoppiano.

MOVE offre una delle maggiori reti pubbliche di ricarica per le auto elettriche. Se stipulate una nuova assicurazione per un’automobile ibrida plug-in o elettrica entro il 31 dicembre 2021, l’Helvetia vi regala la prima tassa annua dell’abbonamento MOVE comfort del valore di CHF 59.-, compreso un credito iniziale di CHF 20.-. Così potrete ricaricare il vostro veicolo a tariffe allettanti sia in Svizzera che all’estero.

Anche questo potrebbe interessarvi

Abbonatevi alla newsletter e vincete fantastici premi

Riceverete con regolarità le ultime «stories» direttamente nella vostra mailbox e, con un po’ di fortuna, potrete vincere un buono acquisto Digitec del valore di CHF 250.
Abbonatevi subito
Selezionare l'appellativo.
Specificare il nome.
Specificare il cognome.
Si prega di specificare l'indirizzo e-mail.
Si prega di compilare il campo.
Si prega di compilare il campo.
Si prega di accettare le informazioni sulla protezione dei dati.
Si prega di compilare il campo.
Protetto da Google reCAPTCHA Privacy - Termini