Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto

Premio artistico Helvetia

Gina Proenza – Art Visuels
Gina Proenza – Art Visuels
Il premio artistico targato Helvetia sostiene artisti in erba. L'ambito premio viene assegnato annualmente ai giovani talenti che hanno appena concluso il loro percorso di studi presso un istituto accademico (artistico) svizzero.

Il premio artistico Helveita

Creato nel 2004, il premio in questione è inteso come sussidio iniziale per coloro che hanno portato a termine il proprio percorso formativo presso una scuola universitaria professionale svizzera nel campo delle «arti figurative e dell'arte mediale» e sottolinea il pluriennale impegno dell'azienda a favore dell'arte svizzera. Sono in particolare gli artisti ancora agli inizi della loro carriera a beneficiare di questo sostegno. Mentre la collezione aziendale di opere d'arte «svizzere» contemporanee, considerata una delle più importanti nel suo genere, è composta principalmente da opere pittoriche, disegni e fotografie, il premio in questione è riservato ad artisti in erba che si sono distinti per il loro talento in una gamma di discipline volutamente più ampia. In questo modo si intende dare risonanza anche a nuove idee e forme artistiche create da una nuova generazione di artisti. Il riconoscimento consiste in un premio in denaro pari a CHF 15 000.– e nella possibilità di esporre le proprie opere in occasione della fiera d'arte internazionale LISTE, Art Fair Basel.

Il premio viene assegnato ogni anno nell'ambito della mostra Plattform.

Nella sua ultima opera «The Bank Of Dreams» (2021), esposta in occasione della mostra Plattform21 in corso al Museo d’arte della Svizzera italiana (MASI) di Lugano, l’artista mette in scena un possibile futuro in cui il capitalismo si impossessa del progresso tecnologico, penetra nel subconscio degli esseri umani e commercializza il sonno e i sogni.
Nell’area di ingresso dell’edificio museale di Palazzo Reali a Lugano, caratterizzato da un’architettura che ricorda una banca, Anita Mucolli ha installato uno sportello automatico: in uno scenario ambiguo che oscilla tra realtà e finzione, non è chiaro se si tratti di un vero bancomat o di un’opera d’arte. Il telaio esterno dell’apparecchio è realizzato in scagliola, un materiale che richiama il marmo, mentre la forma riecheggia lo stile dell’architettura classica. Al centro, uno schermo piatto mostra videospot che pubblicizzano la banca e la sua innovativa tecnologia. Non appena dagli altoparlanti si percepiscono la musica e la voce della pubblicità, diventa evidente che non si tratta di un normale sportello automatico, ma che dall’apparecchio vengono venduti sogni: effettuare un giro di prova con l’auto tanto amata, provare vestiti particolari, rivedere persone care e persino visitare mete dei desideri.

L’opera di Anita Mucolli è esposta in occasione della mostra Plattform21 dal 22 agosto al 5 settembre 2021 al MASI (Museo d’arte della Svizzera italiana) di Lugano.

Tiphanie Kim Mall – Hauskatze
Anita Mucolli: The Bank of Dreams, 2021. Vista dell'installazione Plattform21, MASILugano, 2021. Foto: Mattia Angelini

La giuria 2021

La giuria del premio artistico Helvetia di quest'anno era composta da:

  • Francesca Benini (curatrice del MASILugano)
  • Kathleen Bühler (curatrice capo del Museo d’arte di Berna)
  • Julian Denzler (curatore del Museum zu Allerheiligen di Sciaffusa)
  • Joanna Kamm (direttrice della fiera d’arte LISTE Art Fair di Basilea)
  • Andreas Karcher (responsabile dell’Ufficio tecnico Arte dell’Helvetia)
  • Nathalie Loch (cura-trice dell’Ufficio tecnico Arte dell’Helvetia)

I vincitori dei premi precedenti


Anche questo potrebbe interessarvi